AIDS Sutra

In questa antologia 16 autori indiani (o di origini indiane o affini) raccontano i molti volti della diffusione dell'Aids in India, che, inizialmente negata, sta ora espandendosi con preoccupante rapidità. 

L'antologia è stata realizzata in collaborazione con Avahan, il progetto della Fondazione Bill & Melinda Gates (su cui ho sentito dire tutto e il contrario di tutto) che si occupa di prevenzione dell'Aids in India.
Sono 16 saggi che ci portano a conoscere diverse comunità, la maggior parte "ad alto rischio", in diverse zone dell'India: da Bangalore a Calcutta, dall'Andhra Pradesh al Manipur.


Kiran Desai ci porta nei villaggi di prostitute nell'Andhra Pradesh (uno degli stati a più alta diffusione dell'Aids), Salman Rushdie fra gli hijra (diciamo "transessuali" - semplificando molto) di Bombay, Sunil Gangopadhyay nei bordelli di Calcutta dove si rifugiava da giovane con gli amici per bere whisky di nascosto, William Dalrymple fra le devadasi del tempio, Siddhartha Deb fra la generazione perduta del Manipur, dedita alla tossicodipendenza, Vikram Seth invece parla di una sua poesia in cui un uomo sta morendo di Aids.

Il viaggio fra le vittime dell'Aids prosegue nella comunità dei camionisti, in istituti per i bambini orfani dell'Aids, fra le casalinghe contagiate, negli ospedali, fra la polizia e le sue violenze sui "lavoratori del sesso".

Nella maggior parte dei casi raccontati in questi reportage, l'Aids rappresenta uno stigma da nascondere per non essere esclusi dalla società, il che contribuisce ovviamente alla sua diffusione.
Emerge anche il lavoro di varie Ong che si occupano invece dei malati e della prevenzione, sicuramente lodevoli e concretamente utili, ma non sufficienti per un affrontare un problema così vasto e subdolo.

L'antologia ha i pregi e i difetti delle antologie: sono descritte tante realtà diverse, con registri diversi (anche se tutti in stile giornalistico),  con più o meno empatia nei confronti delle persone descritte (ma sempre senza alcun sentimentalismo), il che contribuisce a dare l'idea di una realtà molto sfaccettata. Non emerge invece, nel caso qualcuno se l'aspettasse, un'analisi approfondita del problema dell'Aids in India, oltre a quella proposta nella premessa di Amartya Sen. 

Uno degli aspetti più interessanti è invece imparare la terminologia (e quindi tutte le sue sfaccettature) che descrive il complesso mondo della sessualità, in un moltiplicarsi di termini, distinzioni e acronomini: lavoratrici del sesso (non "prostitute"), lavoratori del sesso (MSW, Male Sex worker), Men who have Sex with other Men (MSM), omosessuali, hijra, kothi, pandi... 

Forse l'aspetto più importante, però, è quello di cercare di rendere più consapevoli i cittadini indiani (il libro è uscito originariamente in India presso la Random House) di questo male nascosto, che anche nelle classi sociali più alte si tende a ignorare.

Commenti

  1. Molto interessante, ne avevo sentito parlare, ma di norma non mi fido della scrittura a comando (immagino che siano stati interpellati diversi scrittori e gli sia stato detto di scrivere un racconto o un reportage sull'AIDS). Comunque sono proprio curiosa di vedere come molti di questi grandi scrittori affrontano questo tema così lontano dalle loro esperienze. Mi chiedevo proprio ieri cosa Kiran Desai stesse facendo di questi tempi...

    A proposito, hai letto qualcosa di Bharati Mukherjee? Sai se vale la pena?

    RispondiElimina
  2. In effetti per alcuni autori c'è un po' l'effetto "temino da svolgere a casa", anche se tutti hanno fatto ricerca sul campo. Altri invece sono più partecipi perché raccontano loro esperienze precedenti e non legate alla scrittura di questa antologia, che hanno qui recuperato in questa funzione.

    Alcuni pezzi poi sono riciclati, per esempio quello di Dalrymple che ricordo distintamente di aver letto su qualche giornale qualche tempo fa.

    No, mi dispiace, non ho letto niente di Bharati Mukherjee... se ti capita di leggere qualcosa di suo fammi sapere!

    RispondiElimina
  3. Ah, dimenticavo, la Kiran Desai sembra stia scrivendo un terzo romanzo, dal titolo The Loneliness of Sonia and Sunny, per cui avrebbe preso un piccolo anticipo di qualche milione di dollari (così almeno riportano le notizie, che si crogiolano abbastanza nel criticare quanti soldi prende uno scrittore!).

    RispondiElimina
  4. Ah, non sapevo niente di questo "progettino" della Kiran. Ora mi informo... Lei ormai è lanciatissima, soprattutto in America. Oltretutto sembra confermato che stia ufficialmente con Orhan Pamuk.

    RispondiElimina
  5. Sì, la relazione con Pamuk è del tutto ufficiale, ho letto che ultimamente sono andati insieme in India a fare i turisti e a farsi la vacanza a Goa, poi lei è andata in Turchia a promuovere The inheritance of loss magicamente tradotto in turco!
    (che gossip letterario, eh...)

    RispondiElimina
  6. Ma dove li leggi tutti questi gossip??? :-D

    RispondiElimina
  7. Sui siti dei giornali indiani (tipo Indian express, Times of India, The hindu...)!

    RispondiElimina
  8. molto interessante.
    Me lo hanno regalato l'anno scorso ma ancora non ho avuto il tempo di leggerlo.
    E' un tema molto delicato. anche in Nepal è un problema molto forte!

    Buoni giorni

    RispondiElimina
  9. Ciao Sonia, immagino che in Nepal debba essere un problema enorme, e probabilmente se ne parla ancora meno che in India.
    Se poi lo leggi fammi sapere.
    Buonissimi giorni anche a te!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Le torri del silenzio

Innamoramento urdu

Le linee d'ombra