Post

Visualizzazione dei post da Ottobre, 2015

Un padre obbediente

Immagine
di Akhil Sharma

Ci sono scrittori che scrivono dell'India più magica e meravigliosa, altri che invece ne descrivono i lati più crudeli e disumani, altri ancora che intrecciano abilmente i due aspetti. Non ci sono dubbi a quale categoria appartenga Akhil Sharma (di cui ho apprezzato anche Vita in famiglia) con il suo romanzo di esordio: nella sua India c'è solo violenza e crudeltà, senza un briciolo di speranza.

Per capire i meccanismi di questa totale mancanza di umanità, in Un padre obbediente Akhil Sharma ci fa entrare nella testa di Karan, il protagonista, che racconta la sua storia in prima persona. Karan ci svela tutto, in entrambi i piani in cui la sua storia si svolge: quello familiare e quello pubblico.
Sul piano familiare, Karan è un padre incestuoso che ha abusato di sua figlia Anita all'età di 12 anni. Ora si ritrova vedovo, con la figlia ormai diventata madre e rimasta anche lei vedova, tornata ad abitare da lui con la nipotina. Nonostante sia passato del tempo…

Hotel Everest

Immagine
di Allan Sealy

Si potrebbe dire che fra i protagonisti di questo romanzo originale e ingiustamente poco noto ci sono le stagioni. Sono le stagioni a suddividere i capitoli del libro (estate, le piogge, autunno, il gelo), nella loro danza che accompagna le vicende misteriose dei personaggi, come se ci fosse sempre una presenza esterna pronta a cambiare le carte in tavola.
Le stagioni portano piogge, caldo, umidità o gelo all'Hotel Everest, un vecchio albergo ai piedi dell'Himalaya che ora è diventato un ricovero gestito da alcune suore.
E accanto all'hotel c'è anche un vecchio cimitero, l'Ever-rest, che sarà spesso al centro delle vicende del romanzo, e che si popolerà con nuovi inquilini. 

Arriviamo anche noi all'hotel con Ritu, una giovane suora chiamata a prendesi cura di Jed, il proprietario dell'albergo ormai novantenne, che alterna momenti di lucidità con momenti di follia. Un uomo irriverente e scontroso ma a suo modo affascinante e con un passato di…

Shantaram 2 e l'oppio di Ghosh: ci siamo

Immagine
Era tutto vero.  Come anticipato a inizio estate, quest'autunno potremo leggere due dei seguiti più attesi negli ultimi anni.
Oggi è uscito il seguito di Shantaram in lingua inglese: dopo 12 anni, il nostro amico Greg alla fine ha mantenuto la promessa, bisognava solo dargli fiducia.  Ora speriamo che non deluda le (altissime) aspettative dei suoi fan di tutto il mondo! Il romanzo si intitola The mountain shadow, in italiano L'ombra della montagna. Per la traduzione italiana, di Vincenzo Mingiardi, dovremo aspettare ancora un poco. Le descrizioni che si trovano sui siti di librerie online dicono così:
"Bombay è al centro di una sanguinaria guerra tra le nuove generazioni di mafiosi che si contendono il controllo dei traffici illegali della metropoli. Lin non ha più accanto a sé Kaderbhai, il boss che lo aveva preso sotto la sua ala come un figlio. Si accompagna con la giovane americana Lisa, ma Karla, andata in sposa a un magnate dei media, non cessa di lasciare …