Vaikom Muhammad Basheer


Vaikom Muhammad Basheer è arrivato nella mia vita in un triste giorno d'inverno in Germania, uno di quei giorni in cui ti chiedi "ma cosa ci faccio qui" e sogni di essere Altrove.

E' arrivato a sorpresa nella cassetta della posta, in una busta marrone consunta, con il suo libro di racconti Poovan bananas and other stories che odorava di India, anche se io ancora quell'odore non lo conoscevo perché in India non c'era mai stata. Me l'aveva mandato Prem, un amico indiano appena conosciuto per email che mi voleva far conoscere il suo scrittore preferito.

Non sapevo chi fosse, né sapevo che da lì a pochi mesi, sempre grazie a Prem, avrei conosciuto sua figlia e parlato di lui, dei suoi libri e della sua vita, sorseggiando chai in una libreria di Calicut, in Kerala.
Però mi è subito entrato nel cuore, portandomi per primo sulla spiaggia di Calicut, negli anni Trenta, dove i giovani gandhiani si facevano picchiare nel nome della libertà dell'India.

Considerato uno dei più grandi scrittori contemporanei in lingua malayalam, Vaikom Muhammad Basheer (1908-1994) è uno quegli scrittori la cui vita è già di per sé un libro, piena di avventure ed esperienze fuori dal comune, uno di quegli scrittori che, con scarsa istruzione scolastica, digiuni di ortografia e grammatica, riescono a rivoluzionare le tendenze letterarie di una lingua.

Nato nel 1908 da una famiglia musulmana nel Kerala, lasciò gli studi per unirsi al movimento gandhiano e a causa della sua partecipazione politica fu più volte incarcerato. Vagabondò per otto anni per l'India, cambiando continuamente lavoro e vivendo per qualche tempo insieme a gruppi di asceti.
Basheer ritornò in Kerala a 30 anni, aprì una libreria e iniziò a scrivere.

Nei suoi racconti, piccole fotografie di un mondo autentico e ogni volta un po' inaspetto, tutto è calato nella quotidianità e nella sfera privata, sempre ultima finalità delle sue storie e riflessioni. Ci troviamo di fronte al suo entusiasmo nella partecipazione politica e alla sua ammirazione per Gandhi, ai momenti di dolore e speranza dell'esperienza carceraria, a storie di transessualità, all'ineffabilità di esperienze religiose di tipo mistiche ed ascetiche, ai rapporti umani in un Kerala multiculturale e multireligioso, tutto descritto con immediatezza e con un profondo senso di umanità.

In India Basheer è stato una vera e propria leggenda vivente, uno scrittore popolare, letto e amato dalla gente, adorato quando era in vita ed ora nostalgicamente rimpianto.

Nel 2006 è stato pubblicato in italiano il suo romanzo breve Mio nonno aveva un elefante (ri-tradotto da una traduzione francese). Ma io preferisco sempre i suoi racconti, che con il loro gusto ironico e familiare sanno ancora portarmi Altrove.

Nota di servizio: Mother, il primo racconto di Poovan bananas and other stories, si può leggere su questa anteprima di Google books, in traduzione inglese (gli altri racconti invece si possono leggere solo a pezzi...).

Commenti

  1. Malayalam, l'unico nome di lingua polindromo!!
    Grazie, non conoscevo questo scrittore. Deve aver avuto una vita molto intensa. Purtroppo tra quelli indiani conosco solo gli scrittori di lingua inglese (non è che sia molto facile avere accesso a quelli che scrivono nelle lingue indiane).
    Che l'unico romanzo di Basheer tradotto in italiano sia una ri-traduzione dal francese la dice lunga su quanto sia difficile tradurre dalle lingue non-europee (non perché non esista gente in grado di tradurre, ma perché le case editrici non vogliono rischiare).

    RispondiElimina
  2. Basheer è affascinante, si vede proprio che la sua vita si riflette in quello che scrive.
    Hai visto che bella la parola "malayalam"?

    In effetti è difficile riuscire a leggere scrittori di lingue indiane, per me è un vero peccato, perché si sente un gusto diverso quando uno scrittore scrive per chi parla la sua stessa lingua.

    Però esistono molte traduzioni in inglese (io ho letto scrittori malayalam tradotti in inglese) che circolano per l'India, tradotte da traduttori indiani.
    Volendo un'idea ce la si potrebbe anche fare...

    Per alcune lingue, forse è più facile trovare traduttori (ma anche così le traduzioni non abbondano, anzi...), ma un traduttore italiano-malayalam in realtà non so se c'è (e se c'è batta un colpo...).

    RispondiElimina
  3. Ho letto il racconto "Mother" che hai seganlato su Google Books: molto bello.
    L'ho letto proprio ieri, nel giorno dell'anniversario della nascita di Gandhiji, che coincidenza! Mi è piaciuto il fatto che si capisce che i fatti descritti (la satyagraha) l'autore li ha vissuti di persona, che è un autentico ammiratore di Gandhi che combatteva per la causa della liberazione. Sai, io sono abituata a leggere libri di autori che vengono dalle élite dell'India, con un'educazione di stampo inglese e una storia di vita completamente diversa.
    Mi piacerebbe leggere qualche suo altro racconto, intanto se trovo "Mio Nonno Aveva un Elefante" me lo compro.

    RispondiElimina
  4. Stefania,
    sono veramente felice che tu lo abbia letto e che ti sia piaciuto.
    Per me è stato veramente commovente.
    Nella sua semplicità e immediatezza di chi non ha mai studiato (tantomeno in università inglesi), ma di chi la vita l'ha vissuta in prima persona, arriva dritto al cuore, senza essere banale.
    Sono veramente contenta che tu voglia leggere altri suoi racconti (se vuoi te ne mando qualcuno...)

    RispondiElimina
  5. hi

    I was just 'googling' on Vaikom Mohammad Basheer and stumbled upon your post. I am pleasantly surprised to read about him on an Italian (?) blog (I used google translater :)). I am from Kerala and he's my most favorite writer of all time. I've his complete writings in Malayalam and I read them again and again since childhood. I am glad that his writings reached across the borders.

    Regards,
    Radhika.

    RispondiElimina
  6. Dear Radhika,
    I am very happy that my Italian post reached you!

    Basheer is one of my favourite Indian writers, even if I could read him only in translation as I do not speak Malayalam.
    I think his writings are so much universal that can be appreciated anywhere, across the borders.
    Unfortunately there is only one book translated into Italian and it has been re-translated from French.

    By the way, I am very interested in contemporary Malayalam literature. I also like MT Vasudevan Nair, OV Vijayan and Kamala Das (or, better say, Madhavikutty!).
    Maybe you can also find interesting that when I visited Kerala, I went to visit Tunchan Parambu, the birth place of Thunchathu Ramanujan Ezhuthchan.
    You can still hear the sound of Malayalam poetry in that place!

    RispondiElimina
  7. Hi Silvia

    wow.. thats really interesting. they are my favorites too..
    Have you read OV Vijayan's Khasakinte Ithihasam (Legends of Khasak)? Khasak- Originally Thasrak -is near my home town (Palakkad).
    If you don't mind me asking, How did you get interested in Malayalam?
    I am glad that I found your blog. Thanks to google :)

    RispondiElimina
  8. Thanks, Radhika.
    Legends of Khasak is actually the only book by OV Vijayan I read. I loved it.
    It is very interesting that your hometown is the one described in the book!

    My interest in Malayalam comes from an Indian friend who first sent me a book by Basheer. I fell in love with his writings, read some more Malayalam books and then I decided to visit Kerala.
    I found a wonderful place and lovely people, and that made my interest in Malayalam even stronger!

    If you have more Malayalam writers to suggest me, I will be glad to know!

    RispondiElimina
  9. Hi Silvia

    Apologies for the late reply. held up with work. I would love to suggest more malayalam writers.
    I highly recommend O.V. Vijayan's Gurusagaram (The Eternity of Grace). More writers:

    1. Thakazhi Sivasankara Pillai - his stories about his village (Kuttanad) are really heart warming
    2. S K Pottekkatt - for his amazing travelogues
    3. Lalithambika Antharjanam - her novel 'Agnisakshi' is my favorite.
    4. Uroob - Sundarikalum Sundaranmarum (The beautiful and the handsome) is a must read

    I just listed the names that just came to my mind. Of course there more writers I like - M.Mukundan, M.P.Narayanapillai, V.K.N, T.Padmanabhan, Anand..

    Hope I did not confuse you with all these names :)

    RispondiElimina
  10. Dear Radhika,
    it is a great pleasure to receive your suggestions.
    They are not confusing at all, I would like to read more and more Malayalam writers, but often it is difficult to get them here, even through online orders...

    I read a story by Thakazhi, and I would like to read more. Also read some short stories by Anand.
    'Agnisakshi' sounds really interesting: is there an English translation? I could not find one.

    Thanks a lot, and keep in touch!

    RispondiElimina
  11. Hi Silvia,

    I am not sure if there is an English translation. I will enquire about it when I go home(kerala) for holidays this week.

    Merry Christmas and Happy New Year!!!

    RispondiElimina
  12. Thanks a lot, Radhika!
    So where do you live now?
    Have a nice time in Kerala.
    Merry Christmas and Happy New Year!

    RispondiElimina
  13. I live in Bangalore (Karanataka). I do visit kerala as often as possible. My family is still in Kerala.

    Do feel free to contact me at radika.ravi@gmail.com

    RispondiElimina
  14. Thanks a lot, I will mail you.
    Have a nice trip home.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Non solo India: a zonzo con 6 libri in Armenia, Georgia e Azerbaigian

Le linee d'ombra

Le torri del silenzio