River to river parte seconda

Eccomi di ritorno dopo due (soli) giorni passati al River to river, il festival fiorentino dedicato al cinema indiano.
Era il mio secondo anno ed è stato bello ritrovarsi fra appassionati (per la verità, dovrei dire "appassionate") di India e di tutto ciò che da laggiù proviene: film, libri, canzoni, racconti di viaggi, ricordi.

I film ci hanno riportato fra le vie di Bombay, sotto il sole indiano, all'interno di tradizioni, di case, di città e di sentimenti vissuti sulle note di una canzone.

Khargosh, un film delicato e appassionante dalla fotografia impeccabile, ci ha portato in un sonnolento villaggio indiano e nei pomeriggi di un bambino che fa da tramite a due giovani innamorati, portando lettere e messaggi e diventando loro complice fra il tintinnio di braccialetti e gli sguardi sognanti.

Con il film di Deepa Mehta, Heaven on Earth, claustrofobico e durissimo, invece abbiamo seguito una giovane ragazza indiana del Punjab andata a sposarsi in Canada, un paradiso in terra solo nei sogni, in realtà un vero e proprio inferno chiuso fra le mura domestiche.

Barah Aana, ironico e divertente, ci ha portato a Mumbai, nella vita di tre disperati che, fra fato e necessità, si ritrovano sulla via del crimine, spinti dell'evidente constatazione che sono i soldi ciò che conta nella vita. Nel cast c'è anche Violante Placido, nel ruoli di un'occidentale in India con la vita a rotoli, ma il più grande è Naseeruddin Shah, nei panni dell'autista di una petulante e isterica signora (sembra proprio che, come nella Tigre bianca, fare l'autista dei ricchi istighi inevitabilmente alla vendetta nei loro confronti).

Ma quello che più mi ha entusiasmato è stata la retrospettiva su Guru Dutt, regista e attore geniale e tormentato, morto suicida nel 1964 a soli 39 anni.
Ho visto solo due film, Aar Paar e Mr and Mrs 55, romantici e divertenti attraverso il bianco e nero delle pellicole consumate dagli anni, e mi è venuta voglia di vedere altri: mi dovrò al più presto procurare Pyaasa, che tutti mi dicono sia il suo capolavoro.

Per il momento ecco la perla che mi è rimasta nel cuore, da Mr e Mrs 55, cantata da Mohammed Rafi: struggente e dolorosa come le pene d'amore del protagonista, come la nostalgia che assale all'improvviso e lascia senza parole.
Al prossimo anno.



AGGIORNAMENTO del 12 dicembre: il film vincitore del festival è Heaven on Earth di Deepa Mehta.

Commenti

  1. Grande. non ho visto gli altri film ma conosco arr paar e mr & mrs 55. tutti due sono come dice, entertaining!

    RispondiElimina
  2. Sì, entertaining e romantici!
    Ho appena ordinato Pyaasa...

    RispondiElimina
  3. Ciao Silvia,
    non avevo ancora letto il tuo post sul festival ed in effetti a Firenze non abbiamo avuto molto tempo...
    Che dire: concordo su quasi tutto ciò che hai scritto....però...
    C'è un però.
    "Khargosh".
    Dopo la metà del film ho inziato a stare scomoda sulla poltrona e sentivo chiaramente che anche le altre ragazze stavano avendo le stesse sensazioni. A nessuna di noi è piaciuto questo film. Sì, una bella fotografia ma nient'altro. Alla fine siamo uscite davvero deluse e con la sensazione di qualcosa di "sporco" e non di poetico.
    Beh, comunque lo stesso film non può piacere a tutti. E se Selvaggia l'aveva scelto un motivo forse c'era. Ma nessuna di noi l'ha capito.
    O forse dopo aver visto la poesia di Guru Dutt niente poteva soddisfarci. ;-)
    Ciao e a presto!!

    RispondiElimina
  4. Ciao Serena!
    A me invece Kargosh è piaciuto molto, anzi ti dirò che fra i film in concorso che ho visto è proprio quello che mi è piaciuto di più.
    Non solo per la fotografia, ma perché mi è veramente sembrato di essere lì in quel momento, in un villaggio indiano, mi è piaciuto il modo di descrivere sensazioni in modo intenso eppure leggero.

    Ma comunque... penso sia tutta una questione di gusti!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Non solo India: a zonzo con 6 libri in Armenia, Georgia e Azerbaigian

Le linee d'ombra

Due anni, due nuove creature